Londra – The Wallace Collection – Scene di caccia, nature morte con cacciagione

The Wallace Collection

Il museo, ospitato in un magnifico edificio del XVIII secolo in Manchester Square a Londra, aprì al pubblico nel 1900 e conserva opere prodotte fra il XV e il XIX secolo. La collezione è stata raccolta nei secoli XVIII e XIX dai primi quattro marchesi di Hertford e da Sir Richard Wallace (1818-1890). Quest’ultimo, figlio illegittimo del quarto marchese di Hertford, Sir Richard Seymour-Conway (1800-1870), nonché ultimo proprietario della collezione, non fu mai riconosciuto e assunse pertanto il cognome della madre. Furono loro, il padre prima ed in seguito il figlio, a incrementare la collezione in maniera rilevante portandola agli attuali 5.000 oggetti, tutti di inestimabile valore.

 

 

La collezione fu donata al Regno Unito nel 1897, per volontà di Sir Richard Wallace, dalla vedova Lady Wallace. Ci piace sottolineare che l’ingresso è gratuito!

La Wallace possiede grandi tesori artistici, come i dipinti di Tiziano, Rembrandt, Rubens, Van Dyck, Velázquez e Canaletto, oltre a un’eccellente raccolta d’armi e armature, sculture medievali e del Rinascimento, ad alcuni oggetti in vetro, bronzo e oro esposti nel percorso delle sue 25 gallerie.

Brundarte inizia la sua visita con questa carrellata di opere raffiguranti magnifiche scene di caccia, nature morte con cacciagione e fiori di notevole pregio di cui la collezione è ricchissima.

Jan Weenix ( 1642 – 1719 )

Nato ad Amsterdam nel 1642, figlio e allievo di Jan Baptist Weenix, che si trasferì con la famiglia a Utrecht nel 1649. Lavorò a Utrecht e fu registrato come membro del collegio dei pittori nel 1664 e nel 1668. I suoi primi lavori furono fatti nello stesso stile del padre (vedi A Southern Harbor Scene).

Nel 1679 era ad Amsterdam dove si sposò quell’anno. Le sue più tarde nature morte, decorative e ariose, attrassero un vasto e nobile patronato. Tra il 1702 e il 1714 lavorò a Dusseldorf e Bernsberg per l’Elettore Palatino, Johann Wilhelm (dodici grandi tele sono ora a Monaco), e a Pommersfelden e Gaibach per il conte Schönborn. Morì ad Amsterdam il 19 settembre 1719.

Fiori su una fontana con un pavone, Olanda 1700 – 1710 

Questo quadro, il più spettacolare di un gruppo di tredici dipinti di Weenix nella Wallace Collection, è un esempio particolarmente raffinato e caratteristico del suo stile decorativo tardivo. Dimostra l’abilità dell’artista nel combinare una messa in scena teatrale con dettagli finemente osservati. Combina anche elementi naturali e architettonici, composti in modo grandioso, con un’illuminazione drammatica per ottenere un effetto monumentale. L’impressionante potenza visiva dell’immagine, tuttavia, deriva principalmente dalla capacità dell’artista di riprodurre trame diverse nella pittura.

Un pavone, selvaggina uccisa e scimmia, c. 1700 – 1710

La collezione Wallace presenta una delle più grandi collezioni di cacciagione del mondo di Jan Weenix. Rappresentano in genere la selvaggina uccisa visualizzata accanto a urne o statue classiche, incastonate in viste lontane di paesaggi lussureggianti o giardini formali. I dipinti di Weenix furono inizialmente acquistati dai ricchi borghesi di Amsterdam. All’inizio del XVIII secolo la sua reputazione attirò l’attenzione di Johann Wilhelm von der Pfalz, l’elettore Palatino di Düsseldorf, per il quale produsse numerosi pezzi di selvaggina e grandi nature morte dal 1702 fino al 1714 circa. Quattro dipinti di Weenix nella Grande Galleria furono acquistati dal 4° marchese di Hertford dalla vendita del Conte von Schönborn nel 1867.

In questa composizione teatrale, Weenix ritrae un pavone e uno springer spaniel (un cane da cerca e da riporto, molto abile anche nell’acqua) che fanno la guardia a una natura morta di un’oca, un daino, un fagiano, una pernice e un ciuffolotto, mentre una scimmia ruba l’uva da un cesto di frutta in primo piano. Nel giardino ornamentale, un cacciatore porta una lepre e un cesto di uccelli selvatici.

Lepre morta e natura morta, Olanda 1692
Una lepre morta, una pernice e un piccione si vedono accanto a un cesto di frutta traboccante.

Jean-Baptiste Oudry (1686 – 1755)

Jean-Baptiste Oudry è stato uno degli artisti europei più innovativi del diciottesimo secolo. Ha sperimentato in aree divergenti come la decorazione arabescata, la commedia dell’arte, la ritrattistica, la storia / allegoria, la caccia e la natura morta e il puro paesaggio.
Nato il 7 marzo 1686 a Parigi, Oudry ha iniziato i suoi studi come artista con suo padre, Jacques Oudry, un maestro pittore e commerciante di Pont Notre-Dame. Il padre di Oudry fu nominato direttore dell’Académie de Saint-Luc, l’antica corporazione dei pittori, dove Oudry frequentava le lezioni. Fu ammesso nel 1708 e divenne professore nel 1717.
Ha iniziato la sua carriera come ritrattista, poi ha iniziato a dipingere animali e frutta su consiglio di Largillière. Divenne candidato all’Accademia nel 1717 e membro a pieno titolo nel 1719 come pittore di storia con un’allegoria dell’Abbondanza (Versailles). Divenne un pittore per gli arazzi di Beauvais nel 1726 e il suo direttore nel 1734. La prima commissione della Corona arrivò nel 1724 e fu presto favorito dal re di Svezia, il margravio di Ansbach e il Granduca di Meclemburgo- Schwerin. I suoi quadri si allineavano perfettamente con l’ossessione della corte per la caccia e, tra il 1725 e il 1752, Oudry fu impiegato quasi continuamente su decorazioni reali di temi di caccia. Ricevette la commissione per gli arazzi delle Cacce reali di Luigi XV, uno dei più notevoli successi di Oudry, dai Gobelins nel 1733, e fu nominato ispettore nel 1748. Disegnò in modo prolifico, e le sue vedute sul deludente parco di Arcueil sono tra i grandi capolavori del periodo.

Il capriolo ucciso, Francia 1721
Il dipinto,  è uno dei primi capolavori di Oudry, una delle più brillanti nature morte del XVIII secolo e una delle prime opere importanti di un nuovo stile, il Rococò.
Oudry ha reso la scena con una pennellata libera e sciolta in colori pastello. La pittura riflette una tendenza per la pittura veneziana contemporanea tra i pittori francesi intorno al 1720.

Gli oggetti sono disposti vicino alla superficie dell’immagine senza molta profondità spaziale nella disposizione. Così creano un modello asimmetrico, organizzato lungo curve e volute, un principio che diventerà tipico per il nascente stile rococò.

Questa ricchezza di colori e motivi superficiali, è la caratteristica del cosiddetto genere pittoresco, il nuovo stile decorativo francese del 1720.

Un falco attacca le pernici, Francia 1747 

Il dipinto faceva parte di un gruppo di quattro sovraporte (la soprapporta è il termine architettonico usato per designare un dipinto, un bassorilievo o un pannello decorativo posizionato al di sopra di una porta, tipico degli stili barocco e rococò. Fonte Wikip.) commissionate dall’intendente delle finanze e direttore del Dipartimento dei Ponti e Castelli, Daniel-Charles Trudaine per il suo castello a Montigny-Lencoup, vicino a Melun, che in seguito divenne un casino di caccia per Luigi XV.

Fu dipinto nel 1747, gli altri tre dipinti del set l’anno successivo.

La qualità dei quattro dipinti è diseguale, e suggerisce che il laboratorio di Oudry, in cui lavorava anche suo figlio Jacques-Charles, possa aver contribuito alla loro esecuzione. Sebbene i disegni preparatori fossero di suo padre, Jean-Baptiste li considerava opere importanti, così scelse di esporle al Salon del 1748.

Cane che punta i fagiani, Francia 1748 

Volpe nell’aia, Francia 1748

Jacques-Charles Oudry (1722 – 1778)

Figlio di Jean-Baptiste Oudry, si è formato e ha lavorato con suo padre. Jacques-Charles, fu ammesso come candidato all’Accademia nel 1748 e ne divenne un membro a pieno titolo nello stesso anno. Il suo miglior lavoro assomiglia molto a quello di suo padre per soggetto, materia e stile, anche se il suo disegno è più debole e la sua anatomia animale è spesso povera. Ha lavorato a Bruxelles e ha trascorso gli ultimi anni come maestro di disegno a Losanna, dove è morto in ristrettezze economiche.

 

Alexandre-François Desportes (1661 – 1743)

Nato il 24 febbraio 1661 a Champigneulles (Champagne), fu inviato a Parigi all’età di dodici anni, dove studiò dal 1674 con il pittore fiammingo di animali Nicasius Bernaerts (morto nel 1678), egli stesso allievo di Frans Snyders. Desportes poi ha frequentato l’Accademia come studente e ha collaborato con altri artisti, tra cui il decoratore Claude III Audran. Nei suoi primi anni di carriera, Desportes ha lavorato sia nella natura morta che nella ritrattistica. Nel 1695-6 ha lavorato come ritrattista per il re Jean III Sobieski a Varsavia. Divenne membro dell’Accademia nel 1699. Il pezzo con cui si presentò, il suo autoritratto come cacciatore (Parigi, Museo del Louvre) combinava elementi di ritratto e natura morta.

Nel 1700 Desportes ricevette il suo primo incarico da Luigi XIV per il quale produsse successivamente molte nature morte, quadri di caccia e animali, tra cui i dipinti dei cani del re. Alcune opere di Desportes per Luigi XIV si unirono alla piccola collezione di dipinti del Vecchio Maestro nell’appartamento privato del re a Versailles. Nel 1712-13 passò sei mesi in Inghilterra. Il suo patronato reale continuò dopo la morte del re nel 1715, e lavorò per il reggente e per Luigi XV. Lavorò per la maggior parte dell’alta aristocrazia francese. Nel 1735, Desportes iniziò a lavorare per i Gobelins su una serie di cartoni per arazzi raffiguranti piante e animali delle Indie Occidentali.

Desportes era straordinariamente produttivo, circa 850 dipinti si contano oggi usciti dalla sua mano. La sua opera segna la prima grande fioritura della pittura di nature morte francese. Morì a Parigi il 20 aprile 1743. Le sue opere erano basate su disegni e su schizzi ad olio che oggi sorprendono per l’osservazione attenta della natura. Nel 1784 i suoi discendenti vendettero i disegni e gli schizzi lasciati nel suo studio a Luigi XVI e furono collocati nella Manifattura di Sèvres.

Cane con fiori e selvaggina morta, Francia 1715 

Il dipinto è un brillante esempio dei quadri più ambiziosi che Desportes ha iniziato a dipingere alla fine del regno di Luigi XIV. Desportes ha seguito la tradizione fiamminga di nature morte che erano popolari a Parigi e che ha preso dal suo insegnante Bernaerts, ma ha sviluppato uno schema cromatico armonioso e composizioni più drammatiche. Il frammento di un capitello nella composizione indica che il dipinto era destinato a un mecenate di alto rango. Provenienti dalla collezione di Bonnier de la Mosson, entrambi i quadri erano probabilmente pensati per essere appesi allo stesso muro in cui la luce viene da sinistra. Il primo proprietario conosciuto, Joseph Binner de la Mosson, aveva costruito un’importante collezione di storia naturale.

Cani, selvaggina morta e frutta, Francia 1715

Il dipinto è una versione adattata di un quadro del 1712, precedentemente nella collezione di Luigi XIV e ora al Louvre, con una composizione verticale e senza il cane sulla destra. Un’altra composizione simile fu probabilmente dipinta per il conte di Stanhope durante il soggiorno di Desport in Inghilterra nel 1712-1713. Desportes ha seguito la tradizione fiamminga di nature morte che era popolare a Parigi e che ha appreso dal suo insegnante Bernaerts, ma ha sviluppato uno schema di colori ridotto e armonioso in composizioni più drammatiche. I tre cani aggiungono un elemento narrativo. Il vaso di porfido indica che il dipinto era destinato a un mecenate di alto rango.

Nicolas Desportes the Younger (1718 – 1787)

Nicolas Desportes era uno studente di suo zio Alexandre-François e del ritrattista Hyacinthe Rigaud. Dopo un inizio come ritrattista divenne un pittore di nature morte seguendo la tradizione di famiglia. Divenne candidato all’Accademia di Parigi nel 1755 e membro a pieno titolo nel 1757 con un dipinto di due cani in combattimento (Fontainebleau). Espone al Salone di Parigi tra il 1755 e il 1771. Nicolas Desportes ha continuato lo stile e le composizioni dense di suo zio che erano già vecchio stile alla fine degli anni ’20, ma applicò alle sue opere una combinazione di colori rococò più leggera.

Due cani e la selvaggina morta in una fontana, Francia 1754 – 1755

L’immagine attuale si era pensato fosse di Oudry quando fu acquisita dal 4 ° marchese di Hertford, e continuò ad essere catalogata come tale fino a che fu assegnata a Alexandre-François Desportes nel 1928. Più recentemente, è stata riattribuita a Nicolas Desportes, nipote di Alexandre-François. Probabilmente è l’immagine che fu esposta al Salone di Parigi del 1755, descritta come “uno spaniel e un bracco che si dissetano in una fontana rustica”.
Nicolas Desportes continuò a seguire lo stile di suo zio anche dopo la sua morte.

Bibliografia

The Wallace Collection – Scala Art, 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *