Esposizione “Il Tempietto” a Palazzo Nervegna

Il 13 giugno è stata presentata dal Commissario straordinario Santi Giuffrè a Palazzo Granafei, la donazione ”Il Tempietto”, una raccolta di 50 opere d’arte contemporanea offerta dai coniugi Giuseppe e Maria Vescina, già titolari della galleria “Il Tempietto”, alla città di Brindisi.
La collezione, che va ad aggiungersi alle opere del maestro Armando Scivales che, al momento della sua morte, con gesto di grande generosità volle donare alla cittadinanza buona parte del suo patrimonio artistico attualmente esposto in una delle sale delle Scuole Pie (per approfondire leggi QUI), ha la sua peculiarità nel fatto che, tutte le opere hanno come soggetto il Tempio di San Giovanni al Sepolcro, edificato tra l’XI ed il XII secolo, e che si trova a pochi passi da quella che fu la storica sede della galleria.

Si legge, infatti, nella nota di Giuseppe e Maria Pia Vescina: “Non c’era artista ospitato in galleria che non fosse catturato dalla bellezza e dalla lunga storia delle sue pietre, dal protiro delicato, dai solidi leoni, nessuno che non fosse tentato dal fissarlo a matita o a olio, en plein air o nello studio. Nacque così una raccolta di ‘operine’ del cuore che non vogliamo tenere per noi o dividere, ora che siamo anziani, e per i nostri figli e nipoti desideriamo che esse restino qui a Brindisi, in dono alla città dove sono nate”.

La collezione sarà visitabile a Palazzo Nervegna, tutti i giorni dalle 8,00 alle 20,00.

Armodio (1938)

Il Tempietto, disegno a china blu su carta, 1985. cm 25×18

 

Marcello Avenali (1912-1981)
Il Tempietto, disegno a china su carta, 1979. cm 20,5×28

 

Marcello Avenali (1912-1981)
Dalla finestra dell’amico Vescina, disegno a china su carta, 1976. cm 50,5×35

 

Massimo Bertolini (1957)

Leone stiloforo, disegno a matita grigia su carta, 1976. cm 20,4×16,7

 

Floriano Bodini (1933-2005)
Tempio di San Giovanni al Sepolcro “i leoni”, disegno a china e china acquarellata su carta, 1984. cm 25×20,5

 

Floriano Bodini (1933-2005)

San Giovanni al Sepolcro, bozzetto per la medaglia, disegno a sanguigna su carta, 2004. cm 35,5×30,5

 

Floriano Bodini (1933-2005)
Stipite di San Giovanni al Sepolcro, bozzetto per la medaglia, disegno a sanguigna, 2004. cm 34,5×30,5

 

Floriano Bodini (1933-2005)

San Giovanni al Sepolcro, bozzetto per la medaglia, disegno a sanguigna e china su carta, 2004. cm 37,5×30,5

 

Floriano Bodini (1933-2005)

Leoni stilofori di San Giovanni al Sepolcro, bozzetto per la medaglia, disegno a sanguigna su carta, 2004. cm 37×30

 

Floriano Bodini (1933-2005)

Medaglia celebrativa del 25° di attività della Galleria “Il Tempietto”, bronzo, 2004. diametro cm 7,18/99 peso gr. 200

 

Floriano Bodini (1933-2005)

Monumento a Virgilio, schizzo n. 2 della prima versione, disegno a penna inchiostro acquarellato e pennarello su carta, 1981. cm 30×21

 

Floriano Bodini (1933-2005)

Monumento a Virgilio, bozzetto B della II versione per la scalinata di viale Regina Margherita, disegno a sanguigna e matita grigia su carta, 1981. cm 72,5×53

 

Claudio Bonichi (1943-2016)
Il sogno del cavaliere smarrito, acquerello su carta, 1983. cm 19,5×28

 

Michael Burdzelian (1946)
Il protiro, pastelli su cartoncino telato, 1988. cm 24,5×24,5

 

Antonio Caldarera (1942)

Il nostro tempio passato,  olio su faesite, 1989. cm 25,5×34,5

 

Salvatore Campagna (1957)

San Giovanni al Sepolcro, matite colorate su carta, 1982. cm 24×17

 

Pedro Cano (1944)
Il protiro di San Giovanni al Sepolcro, disegno a matite e acquerello su carta, 1982. cm 17×23

 

Pierre Carron (1932)

Sirenetta con modellino di San Giovanni al Sepolcro,  disegno a pastello su carta, 1988. cm 23×18

 

Carlo Cattaneo (1930-2009)
“Il Tempietto dei sogni”, disegno a matita su cartoncino, 1982. cm 25×28

 

Sergio Cervietti (1957)
San Giovanni al Sepolcro, disegno a matita su carta, 1982. cm 17,5×24

 

Mauro Chessa (1933)
San Giovanni al Sepolcro, disegno a matita su carta, 1982. cm 24×33,6

 

Paolo Collini (1950)
San Giovanni al Sepolcro, olio su cartoncino telato, 1990. cm 23,5×40.

 

Nino Cordio (1937-2000)

Il protiro San Giovanni al Sepolcro, disegno a china su carta, 1980. cm 18×23

 

Gioxe De Micheli (1947)
“San Giovanni al Sepolcro, veduta dall’alto”, tecnica mista su cartoncino, 1990. cm 38×20

 

Pino Di Silvestro (1934)

San Giovanni al Sepolcro, xilografia 1/24, 1983. cm 29,5×21

 

Giovanni Tommasi Ferroni (1967)
Il protiro di San Giovanni al Sepolcro, matite e acquerello su carta, 2004. 33×24

 

Riccardo Tommaso Ferroni (1934-2000)
Leone stiloforo di San Giovanni al Sepolcro, china su carta, 1984. cm 20×28

 

Gustavo Foppiani (1925-1986)

La favola dei leoni cambiati, acquerello su carta, 1985. cm 25,5×17,5

 

Giuliano Ghelli (1944)
Arrivare a Brindisi sul treno della metafisica, acquerello su carta, 1988. cm 21×29,5

 

Giovanni Gromo (1929)

Veduta della chiesa da via San Giovanni al Sepolcro, disegno a matita e pastello su carta, 1984. cm 25×16

 

Carlo Guarienti (1923)

San Giovanni al Sepolcro, tecnica mista su tavola, 1986. cm 29,5×26

 

Liselotte Hohs
San Giovanni al vino rosso, acquerello su carta, 1977. cm 24×34

 

Alejandro Kokocinski (1948-2017)
San Giovanni al Sepolcro con ritratto virile, dittico, 1979:
1 vino e chine acquerellate su carta, cm 13×18
2 vino e chine acquerellate su carta, cm 13×18

 

Maya Kokocinski Molero (1970)
San Giovanni al Sepolcro, acrilico su carta colorata, 2003. cm 24×32

 

Nicola Lazzari (1957)

San Giovanni al Sepolcro, disegno su carta, 1998. cm 17×25

 

Giuseppe Marzano (1936)
San Giovanni al Sepolcro, disegno a matita e pastelli e acquerello su carta, 1987. cm 32×32,5

 

Giuseppe Modica (1953)
San Giovanni al Sepolcro, olio su cartone telato, 1994. cm 30×40

 

Franco Mulas (1938)

Il Tempietto, olio su tavola, 1999. cm 31×31

 

Gaetano Pompa (1933-1998)
San Giovanni al Sepolcro, ceramica maiolicata policroma, 1992. cm 25×25

 

Antonio Possenti (1933-2016)

Figura virile davanti al protiro, china acquarellata su carta, 1985. cm 25,5×25,5

 

Antonio Saliola (1939)

“una sera la luna il tempietto e saliola”, olio su tela, 1986. cm 25×20,5

 

Giorgio Scalco (1929)

San Giovanni al Sepolcro, disegno a matita su carta, 1983.  cm 25×21

 

Giorgio Scalco (1929)

San Giovanni al Sepolcro con ritratto di Beppe Vescina, tecnica mista su carta, 1983. cm 22×44

 

Normanno Soscia (1938)
Venditrice di souvenir, acrilico su tavola, 2005. cm 27,2×29,5

 

Vito Tongiani (1940)
San Giovanni al Sepolcro, pastelli e china su carta, 1989. cm 21×14,5

 

Gaetano Tranchino (1938)
San Giovanni al Sepolcro, china su carta, 1982. cm 17,5×24

 

Galeazzo Viganò (1937)
San Giovanni al Sepolcro. St. del portale p. “3 chiese di Brindisi e gli ulivi”, china acquarellata su carta, 1978. cm 35,5×25

 

Attilio Zanetti-Righi (1926-2011)

San Giovanni al Sepolcro 12, chine acquarellate su carta, 1984. cm 25,1×19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *