Portico de’ Cateniano e Museo Archeologico Provinciale F. Ribezzo

PORTICO DE’ CATENIANO

“Il cosiddetto Portico dei Templari (o De’ Cateniano ndr) è un edificio medievale di Brindisi sito in piazza Duomo. Presenta due arcate gotiche di carparo, separate da una colonna in marmo greco adorna di un capitello a decorazioni viminee. Le due volte a crociera di cui è costituito sono a costoloni bicromi (pietra bianca e carparo).

Per le sue caratteristiche architettoniche si può ritenere che risalga al XII-XIII secolo, considerato il precoce utilizzo dell’arco a sesto acuto fatto già in età normanna nel Meridione d’Italia.” (1)

“La sua funzione non è stata del tutto chiarita: tuttavia, poiché dal punto di vista tipologico si tratta più precisamente di una loggia (e non di un portico) e considerata la sua collocazione in piazza Duomo, lo si può ragionevolmente far riferire al primo palazzo arcivescovile medievale di Brindisi. Infatti il riferimento ai Templari è solo frutto di erudizione settecentesca, che credette di poterlo collegare idealmente ai resti di una chiesa giovannita rinvenuti nello stesso isolato, ma a molta distanza.

Documentazione successiva (XVI secolo) afferma che il portico costituiva il piano terra del palazzo signorile della famiglia De Cateniano. Un esponente di questa famiglia, Lucio, che fu sindaco della città a metà del Cinquecento, donò alcune sue proprietà site in piazza Duomo, compreso il “portico”, all’ospedale civico, all’epoca mantenuto con libere donazioni.

Attualmente, completato con un tratto d’imitazione moderna con i rifacimenti degli anni 1954-1958, funge da accesso al Museo Ribezzo e ne è parte integrante ospitando, sotto le sue volte, reperti medievali.” (1)

Un passo indietro
“L’intero complesso dell’Ospedale, danneggiato dai bombardamenti alleati nella notte fra il 7 e l’8 novembre 1941, fu demolito nel 1948 per dar luogo all’edificio che attualmente ospita il Museo Provinciale; unico brano superstite è il portico di casa Cateniano che può indicativamente datarsi al XIV secolo.” (2)

Fototeca Briamo – Brindisi, Cattedrale e Ospedale Civile – Esterno. Dall’album del viaggiatore di R. Marzolla ed. Napoli 1879
Fototeca Briamo – Il Campanile della Cattedrale e l’Ospedale Civile prima dei restauri del 1924
Fototeca Briamo – Cattedrale e Osp. Civile, esterno dopo i restauri del 1924.
Fototeca Briamo – Il Campanile colpito dal bombardamento aereo del 16/12/1941 frana sul vecchio Ospedale Civile
Fototeca Briamo – Il Campanile colpito dal bombardamento aereo del 16/12/1941
Fototeca Briamo – Il Campanile colpito dal bombardamento aereo del 16/12/1941

“Per quel che riguarda la Cattedrale, coi restauri del 1957, si pensò di sostituire il timpano con le statue dei santi Teodoro, Lorenzo da Brindisi, Leucio e Pio X.” (2)

Fototeca Briamo – Duomo, prospetto principale danneggiato dagli eventi bellici del 1941. Restauri della ditta Acquaviva P- del 11/7/58 costati Lire 13.500.000
Fototeca Briamo – Impalcatura all’interno della Cattedrale per i lavori di copertura della volta crollata nel 1941. Restauro a cura della ditta Acquaviva del 6/7/59 costato Lire 4.950.500
Fototeca Briamo – Impalcatura all’interno della Cattedrale per i lavori di copertura della volta crollata nel 1941. Restauro a cura della ditta Acquaviva del 6/7/59 costato Lire 4.950.500
Fototeca Briamo – Cattedrale, consegna dell’opera finita da parte dell’impresa.
Fototeca Briamo – Facciata restaurata ancora priva del portone principale

L’unica traccia di quell’episodio sembrerebbe essere rimasta sulla colonna del Campanile lato biblioteca provinciale

Il portico, “completato con un tratto d’imitazione moderna (1954), funge da ingresso al Museo. Sotto il portico trovano posto una serie di ceppi d’ancora in bronzo, sculture, stele onorarie municipali, sarcofagi ed elementi architettonici dei quali è nota la provenienza, ma non il contesto. Di grande interesse sono alcuni resti medievali, tra cui un interessante capitello di fattura altomedievale con figure danzanti, forse trasformato in vera da pozzo (IX-XI secolo); capitelli e semicapitelli figurati provenienti dalla distrutta chiesa di Sant’Andrea dell’Isola (XI secolo) e dal Duomo (XII secolo); frammenti di archivolti da chiese medievale della città; inoltre, nel portichetto medievale, un sarcofago bizantino con croci greche. Al di là del portico si apre un cortiletto, nel quale sono esposte are marmoree, iscrizioni funerarie ed elementi architettonici. ” (3)

Ma, vediamo qualche reperto nel dettaglio:

Vera di pozzo

“La vera di pozzo in marmo bianco, ora nel Museo Provinciale di Brindisi, si è pensato riferibile al complesso di Santa Maria Veterana. I resti del piano terra del palazzo abbaziale, eretto fra IX e X secolo, sono nella parete che chiude il chiostro di S. Benedetto a levante.

La fascia esterna della vera presenta dodici personaggi, quattro donne e otto uomini, vestiti alla maniera franca. Essi si tengono per mano in atto di danzare: ricordo ancestrale di riti precristiani intesi a tutelare le acque dei pozzi da contaminazioni maligne.

Gli otto uomini portano una tunica aderente lunga fino ai ginocchi e stretta alla vita da una cinta a cordone. Le maniche sono strette; una stola a pallio stilizzato dal collo cade sul davanti. Le gambe sono coperte da calzoni o calze aderenti.
Le quattro donne indossano tuniche dalle maniche strette serrate alla vita e plissate dalla cintura in giù. Nessun gioiello le adorna.
Gli uomini hanno capelli alla maniera franca, tagliati all’altezza delle orecchie; il viso è rasato ad eccezione dei baffi che sono folti e ben curati. Le donne hanno i capelli intrecciati e disposti a cuffia.
Tanto i visi femminili che quelli maschili hanno la tipica forma a pera rovesciata, peculiare dell’arte longobarda.
La vera fu eseguita sul finire dell’VIII secolo.” (2)

Vera di pozzo
Vera di pozzo
Vera di pozzo
Vera di pozzo
Vera di pozzo
Fototeca Briamo – Disegno di E. Rubini

Semicapitello con volatili

Qui è anche “un semicapitello in marmo con volatili, affrontati al ramo di palma, attribuito dal Wackernagel agli anni a cavallo fra XI e XII secolo. E’ dubbio che possa essere appartenuto come pure è stato ritenuto, al complesso abbaziale di Sant’Andrea dell’Isola. Il manufatto presenta caratteri chiaramente preromanici tanto da potersi collegare alla plastica longobarda del IX secolo.” (2)

Scrive Benita Sciarra nel suo “Sull’abbazia di S. Andrea all’isola in Brindisi”:

Fra le prime città di Terra d’Otranto a ricevere il Cristianesimo fu Brindisi, e sebbene dei primi secoli poco, o nulla si sappia, per scarsezza di documenti e monumenti, prime notizie sicure si hanno dalle epistole di Gregorio Magno, dalle quali si deduce come nella Calabria (il nome Calabria in origine designava la penisola salentina ndr), intorno al V secolo, vi fossero cinque vescovati, e cioè: Brundusium, Gallipolis,
Lippia (l’odierna Lecce), Tarentum, Hidruntum (l’odierna Otranto). Con molta probabilità alcuni devono però riportarsi al secolo IV, mentre più antica dev’essere la chiesa di Brindisi, che già da tempo celebrava la festa di S. Leucio, suo confessore, come si ricava da una vita del santo pubblicata dai Bollandisti.
Uno sviluppo notevole ebbe in Brindisi il monachesimo, soprattutto quando, con le persecuzioni iconoclaste, l’Oriente cristiano si trasferì nell’Occidente e numerosi monaci, alla fine del VI secolo, vennero nelle nostre regioni, portando seco sacre immagini e riti.
La loro presenza in Terra d’Otranto rimane documentata ancora oggi dall’esistenza delle numerose laure basiliane, laure che venivano ricavate nelle profonde e rocciose valli, nelle campagne deserte e sulle cime dei colli.
Anche l’isola situata presso l’imboccatura del porto esterno di Brindisi e denominata Barra e successivamente di S. Andrea, dai monaci che ivi forse fin dal secolo VI si trasferirono dall’Oriente, fu scelta, quando i rapporti con l’Oriente migliorarono, tra il 967 ed il 1030, “dal tempo cioè di Basilio il Macedone a quando la dominazione bizantina si affermava in terra d’Otranto in modo meraviglioso”, per fondarvi una importante abbazia. ll luogo era ideale perchè isolato, ma soprattutto perchè offriva facilità di comunicare con Bisanzio.
Dal VII al X secolo poco o nulla si sa per le tristissime condizioni in cui venne a trovarsi la città, che fu devastata dai Goti, dai Longobardi, dai Saraceni e di questo importante monastero basiliano non rimase documento alcuno, se si escludono i due interessanti capitelli che il Coco, il Tarantini ed il Bertaux che li attribuisce al X secolo, dichiarano provenienti dall’abbazia di S. Andrea all’isola, capitelli che qui si pubblicano per la prima volta.
Quando i Normanni nel secolo XI s’insediarono in Brindisi e cercarono di dare ad ogni cosa l’impronta latina, disperdendo documenti e monumenti greci, il grandioso monastero (l’imponenza dei due superstiti capitelli e la fattura che rivela una tecnica raffinata ce ne fanno fede), ridotto ormai ad un mucchio di rovine dall’irruzione dei Saraceni, fu affidato ad un monaco che fino a quel momento aveva dimorato nel cenobio di Monopoli, di nome Taspide, e successivamente da Goffredo, conte di Conversano ad un certo Melo. (…)

Semicapitello con volatili
Semicapitello con volatili

Semicapitello con arieti

“Allo stesso periodo può attribuirsi l’altro semicapitello in marmo, con arieti, che non può identificarsi con quello visto da Ferrando Ascoli sull’isola di Sant’Andrea. Questo reperto infatti giaceva, in quegli anni in cui scriveva l’Ascoli, abbandonato nei pressi di San Giovanni al Sepolcro.” (2)

Semicapitello con arieti
Semicapitello con arieti

Capitello con pantere e frammenti di archivolto

“Il capitello con pantere e il frammento di archivolto che sono nel museo provinciale di Brindisi si è ritenuto possibile provengano dalla chiesa del Cristo.(..) Il frammento di archivolto presenta sulla fronte animali a coppie mordenti i frutti di un cespo spinoso. L’intradosso presenta lacunari di ispirazione classica, simili a quelli che appaiono sul protiro della basilica di San Nicola a Bari.” (2)

Capitello con pantere e frammenti di archivolto

Capitello con pantere e frammenti di archivolto

“Il capitello figurato con animali che è nel museo provinciale di Brindisi presenta su una fila di foglie d’acanto, uno per ogni faccia del capitello, quattro animali: un bue, un leone e due arieti con la testa in comune ed il vello a ciocche triangolari.” (2)


“Nel museo provinciale è un frammento di archivolto. Il confronto fra i motivi decorativi di questo reperto e quelli, originali, della monofora sulla fiancata destra di S. Benedetto, permette di ipotizzare che l’archivolto provenga dalla stessa chiesa e possa perciò datarsi fra la fine dell’XI secolo e i primi del XII. Esso è decorato sulla fronte con una cordonatura ad intreccio che racchiude piccoli animali e, nell’intradosso, da un motivo a squame.” (2)

Frammento di archivolto
Frammento di archivolto (part. 1)
Frammento di archivolto (part. 2)

“Sarcofago vetero-cristiano, in pietra locale, di tipo palestinese, con croci in rilievo a braccia uguali ed il lastrone di copertura spezzato.” (2)

Sarcofago vetero-cristiano
Sarcofago vetero-cristiano. Part. lastrone di copertura spezzato

Frammento di stipite della Cattedrale “apparentemente associabile ai rilievi che sono sugli stipiti del portale settentrionale di S. Giovanni al Sepolcro non solo per il disegno generale, sull’intradosso è un tralcio  sulle cui anse sono animali e figure umane(..) ma anche per motivi particolari.” (2)

Frammento di stipite della Cattedrale.

Altri reperti presenti nell’atrio

MUSEO ARCHEOLOGICO PROVINCIALE “F. RIBEZZO” – BRINDISI

“Il Museo archeologico provinciale “Francesco Ribezzo” si trova a Brindisi, in piazza Duomo.
Il museo prende il nome dall’omonimo archeologo e glottologo illustre (1875-1952). Dispone di numerosi e ampi locali nei quali conserva vasi attici di notevole interesse e i famosi Bronzi di Punta del Serrone.

La prima sede del Museo Civico fu a metà Ottocento la chiesa di San Giovanni al Sepolcro per iniziativa del canonico Giovanni Tarantini: divenuta presto inadeguata, si decise ad opera dell’Amministrazione Provinciale di recuperare gli spazi lasciati dal vecchio ospedale adiacente al duomo per destinarli a sede del Museo (ma anche della Biblioteca provinciale e del Provveditorato).” (3)

Fototeca Briamo – Chiesa di S. Giovanni al Sepolcro temporaneamente adibita a Museo Prov.le
Fototeca Briamo – Chiesa di S. Giovanni al Sepolcro temporaneamente adibita a Museo Prov.le
Fototeca Briamo – Chiesa di S. Giovanni al Sepolcro temporaneamente adibita a Museo Prov.le

“Nel corso dei lavori, furono effettuati interessanti ritrovamenti nel sottosuolo. Il nuovo museo fu aperto al pubblico nel 1958 e vi confluirono, oltre alla collezione civica, le numerose antichità che affioravano nel corso degli interventi edilizi nel centro storico e nei paesi della Provincia. Nel 1992 si è arricchito dei ritrovamenti subacquei di Punta del Serrone (vedi qui), consistenti in belle statue bronzee in frammenti. Nel frattempo, resisi liberi gli spazi già destinati ad uffici, il Museo ha potuto trovare nuove sale e spazi per esposizioni (vedi qui “Ercole bambino” e qui “Iconografia femminile”).” (3)

“Al pianterreno si apre un’ampia sala dedicata alle collezioni storiche della Sezione antiquaria. Nelle vetrine il materiale archeologico, in gran parte di provenienza brindisina, è esposto per classi di materiali: ceramiche, bronzetti, terrecotte votive, antefisse, lucerne, vetri, monete. Notevoli i vasi a trozzella, tipici della regione messapica (VII-II secolo a.C.) e alcuni vasi attici, vasi italioti, vasi dello stile di Gnathia, crateri apuli a figure rosse del IV secolo a.C. con scene dionisiache.” (3)


Piano Sotterraneo Epigrafica e statuaria. L’esposizione conserva inalterato l’allestimento del 1954-58.

Alle pareti, numerose iscrizioni romane sia onorarie che funerarie, e alcune messapiche, greche ed ebraiche, da Brindisi e dalla provincia. Tra queste notevole un’epigrafe rinveuta in località Tor Pisana nel 1870 circa, per una fanciulla morta diciassettenne nell’anno 832 che recita:
« Qui giace Lea, figlia di Yafeh Mazal. Sia la sua anima nel vincolo della vita, che si dipartì essendo trascorsi 764 anni dalla distruzione del Tempio: e i suoi anni furono diciassette. Il Santo – benedetto Egli sia – le conceda di resuscitarne l’anima con la Sua giustizia. Venga la pace e si posi sul luogo in cui ella giace. Custodi dei tesori del paradiso, aprite le porte e consentite a Lea di entrare. Ogni delizia abbia alla sua destra e ogni dolcezza alla sua sinistra. Così intonerai, e le dirai: questo è il mio diletto, questo è il mio compagno. »
(Epigrafe in ebraico – IX secolo)

Al centro della sala, varie statue, alcune delle quali assai pregevoli benché acefale: tre torsi di statue loricate romane, con le corazze ornate dalla testa di Medusa e da Vittorie alate che incoronano un trofeo; frammento di statua muliebre in corta tunica (Diana cacciatrice); una figura femminile ammantata; statua muliebre seduta, di arte greca, e statua muliebre acefala, di arte ellenistica, di Vittoria o Musa.” (3)


I e II PianoDalla Preistoria ai Messapi. La sezione Preistorica raccoglie materiale archeologico che illustra i risultati di varie campagne di scavo effettuate a Brindisi e nel territorio della provincia.

Ricca collezione di vasi a trozzella messapici, con varie decorazioni geometriche e fitomorfe (generalmente del IV-III secolo); suppellettile di tombe, con vasi dello stile di Gnathia e a trozzella, da Ceglie Messapico (IV-III secolo a.C.); trozzelle e crateri dello stile di Gnathia, da Valesio; materiale vario da Egnazia, Carovigno e Oria. Da Brindisi provengono, tra l’altro belli esemplari di vasi a figure rosse: un bel cratere a colonnette attico del Pittore di Efesto (V secolo a.C.) con Corteo dionisiaco presso un’ara e, nel rovescio, personaggi ammantati; un altro cratere attico con Trittolemo sul carro alato tra Demetra e Kore del Pittore di Polignoto (V secolo a.C.); kylix attica con Satiro avanti a Menade, interpretato come Scena di ipnotismo (V secolo a.C.); cratere a campana con Atena tra Ercole e Ermes del Pittore di Ermes (IV secolo a.C.); oinochoe apula con Scena nuziale del Pittore dell’Iliupersis (IV secolo a.C.); due crateri apuli con Scene di satiri del Pittore del Tirso (fine del IV secolo a.C.). Inoltre, laminetta aurea con iscrizione greca (V secolo a.C.); aryballoi protocorinzi figurati (VII secolo a.C.) che attestano i rapporti commerciali antichissimi di questo porto con scali orientali.” (3)


Brindisi romana. Contiene statuine fittili e antefisse, di provenienza tarantina, della collezione Gorga (deposito dello Stato al Museo) e una piccola raccolta di monete greche e romane. Inoltre, sul pilastro a d. dell’ingresso, grande disco fittile di età romana con Eros su quadriga e simboli zodiacali. Su pilastrini marmorei, urne di alabastro e di marmo, bella testa di divinità femminile di età romana. Nel corridoio busto di Pan (I secolo d.C.), busto di Minerva (età adrianea), un simulacro di Ecate trimorfa e un bassorilievo con scena di sacrificio.” (3)

“Bellissima statua acefala di Clodia Anthianilla, letterata brindisina (II secolo), già nel foro di Brindisi e relativa base iscritta con lungo elogio funebre della stessa.” (3)

Un ringraziamento particolare alla Biblioteca Arcivescovile A. De Leo di Brindisi, per aver gentilmente messo a disposizione le fotografie dell’archivio personale fotografico T.Col. Briamo, da cui è tratto tutto il materiale fotografico d’epoca, comprensivo di didascalie del presente articolo.

Bibliografia e siti web:

Legenda: allo scopo di non tediare il lettore con la ripetizione delle fonti citate, è stato attribuito un numerino per ogni opera consultata, che si ritroverà al termine della citazione e che consentirà l’esatta attribuzione bibliografica.”

(1) http://it.wikipedia.org/wiki/Portico_dei_Cavalieri_Templari

(2) Brindisi Nuova Guida, di Giacomo Carito. Italgrafica Ed. Srl – Oria, 1994

(3) http://it.wikipedia.org/wiki/Museo_archeologico_provinciale_Francesco_Ribezzo

0 commenti

  1. Eccezionale ed esaustiva esplorazione do
    cumentaristica.

  2. Franceso, ho mandato il link di questo pezzo al mio amico Arch. Luciano del Belvis a Roma. Mi ha risposto così:
    Luciano de Belvis
    Luciano de Belvis 18 marzo 14.34.56
    ALFIO CARISSIMO!!!

    che gran regalo che mi hai fatto. visita (seppur telematica) al museo provinciale archeologico interessantissima. ho scaricaro tutte le foto presenti, me le studierò con calma. ci sono secondo me un paio di imprecisioni su un paio di attribuzioni temporali, ma son peccatucci veniali, ce non meritano nemmeno un’ave maria.

    grazie ancora, amico mio e… visita, visita, visita e soprattutto… manda manda manda

    1. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *